Aggiornamento Covid corriere.png  - FAQ ?
You are using an outdated browser. For a faster, safer browsing experience, upgrade for free today.

Gilet caldo e morbido con pattern di base

Gilet caldo e morbido con pattern di base

Un capo di abbigliamento che apprezzo molto, ma non ho mai occasione di usare, è il gilet, capace di coprire tutto il torace, ma soprattutto la pancia, prima vittima del freddo pungente.

Non so voi, ma uno dei motivi per cui non mi piace l’inverno è proprio questo: come faccio a proteggermi dal famoso “colpo d’aria”? Mi vesto con 86 strati di vestiti, oppure mi procuro qualcosa di veramente caldo?

La risposta me l’ha data la nostra cara Lisa, che ha utilizzato in maniera saggia e creativa lo spessore del MegaMerino di Miss Tricot Filati per creare un gilet morbidissimo.

Il fatto che la composizione sia un misto acrilico e lana merino, lo rende morbido, caldo, ma allo stesso tempo facile da lavare.

In questo articolo abbiamo messo a disposizione lo schema scritto per consentirti di realizzare il tuo modello seguendo un pattern di base. Poiché il filo è spesso, vedrai che il progetto crescerà velocemente.

Nello shop Filati Romance puoi trovare tanti colori tra cui scegliere. Ma se desideri cambiare filato puoi optare per il Velluto, con resa molto simile ed effetto coccoloso.

Di contro, se sei poco esperta di maglia, ti sconsigliamo di optare per un filato con spessore e resa differente, perché sarebbe necessario ricalcolare il numero di maglie di partenza e tutte le diminuzioni.

In ogni caso, ti rimando all’articolo che parla di come calcolare la quantità di gomitoli necessaria per un progetto.

Dopo tutta questa premessa, passiamo allo schema vero e proprio scritto da Lisa!

-----------

Legenda:

dir = diritto

rov = rovescio

costa 2/2 = *2 dir, 2 rov* ripetere fino a fine riga/giro

dim = diminuzione



Per una taglia M (circonferenza seno 96 cm)

Occorrente: 

6 gomitoli di Mega Merino di Miss Tricot Filati ( 50% acrilico, 50% lana merinos, 100gr = 60 mt), io ho scelto il colore 232

Ferri circolari nr 9 con cavo da 50/60 cm

(o ferri diritti nr 9 più gioco di ferri nr 9)



Il gilet è lavorato a 2 pannelli bottom up, quindi dal basso verso l’alto. Successivamente vengono applicati i bordini attorno al collo e agli scalfi.

Per tutto il lavoro NON ho lavorato maglie di vivagno.

Pannello dietro:

(lavorare in righe di andata e ritorno)

Avviare 44 maglie.

1-6) Punto costa 2/2

Lavorare ora a maglia rasata fino all’altezza dello scalfo manica. ( Io ho fatto circa 40 cm in altezza, bordino compreso, il pannello misura 51 cm in larghezza)

Scalfo manica: 

1) Chiudere 3 maglie (con la classica chiusura tramite accavallata), lavorare a dir fino alla fine della riga

2) Chiudere 3 maglie, rov

3) Chiudere 1 maglia, dir

4) Chiudere 1 maglia, rov

5) Chiudere 1 maglia, dir

6) Chiudere 1 maglia, rov

Lavorare altre 14 righe a maglia rasata. 

Il pannello misura a questo punto 38 cm in larghezza.

Spalline dietro:

1)9 dir, chiudere tutte le maglie tranne le ultime 9, 9 dir

2)9 rov (lasciando in sospeso le 9 maglie dell’altra spalla)

3)Chiudere 9 maglie

Agganciare il filo all’altra spalla e lavorare le righe 2) e 3) per creare anche qui la spallina dietro.



Pannello davanti:

Avviare 44 maglie.

1-6) Punto costa 2/2

Lavorare ora a maglia rasata fino all’altezza dello scalfo manica. ( io ho fatto circa 40 cm in altezza, bordino compreso, il pannello misura 51 cm in larghezza)

A questo punto il lavoro si divide a metà per creare la scollatura.

  1. 1) 22 dir

  2. 2)1 dim (chiudendo 2 maglie insieme a rovescio),lavorare tutte le maglie a rov fino a fine riga

  3. 3) Chiudere 2 maglie (chiudendo 2 maglie insieme a diritto), lavorare tutte le maglie a dir fino a fine riga

  4. 4) 1 dim, rov

  5. 5) Chiudere 1 maglia, dir

  6. 6) 1 dim, rov

  7. 7) Chiudere 1 maglia, rov

  8. 8) 1 dim, rov

  9. 9) dir

  10. 10) 1 dim, rov

  11. 11) dir

  12. 12) 1 dim, rov

  13. 13) dir

  14. 14) 1 dim, rov

  15. 15) dir

  16. 16) 1 dim, rov

  17. 17) dir

  18. 18) rov

  19. 19) dir

  20. 20) rov

  21. 21) Chiudere le maglie.

Riagganciarsi all’altra metà del davanti lasciato in sospeso

  1. 1) 22 dir

  2. 2) rov, 1 dim (sopra le ultime 2 maglie)

  3. 3) dir

  4. 4) Chiudere 2 maglie, rov, 1 dim (sopra le ultime 2 maglie)

  5. 5) dir, 1 dim (sopra le ultime 2 maglie)

  6. 6) rov, 1 dim (sopra le ultime 2 maglie)

  7. 7) dir, 1 dim

  8. 8) rov, 1 dim

  9. 9) dir

  10. 10) rov, 1 dim

  11. 11) dir

  12. 12) rovi, 1 dim

  13. 13) dir

  14. 14) rov, 1 dim

  15. 15) dir

  16. 16) rov, 1 dim

  17. 17) dir

  18. 18) rov, 1 dim

  19. 19) dir

  20. 20) rov

  21. 21) Chiudere le maglie.

Confezionamento:

Cucire a mano con l’ago da lana o l’ago tirafettuccia le spalle e i laterali del gilet.

gilet megamerino

Rifinitura scalfo manica:

Riprendere 40 maglie attorno all’apertura dello scalfo manica e lavorare in tondo (con il metodo del magic loop o del gioco di ferri) a costa 2/2 per 3 giri. Chiudere tutte le maglie durante il quarto giro.

Rifinitura scollo a V:

Riprendere 52 maglie attorno all’apertura dello scollo e lavorare in tondo (con il metodo del magic loop o del gioco di ferri) a costa 2/2 per 6 giri. Chiudere tutte le maglie durante il settimo giro.

gilet

—-----

Adesso hai anche tu il tuo modello di gilet con il MegaMerino!

Ti ricordo che questo schema può essere usato come modello base per la realizzazione dello stesso capo con il filato che vuoi: ciò che è importante ricordare è che se lo spessore del filo cambia, bisogna regolare di conseguenza il numero delle maglie di avvio e le diminuzioni.

Alla prossima!

Julia Volta



Categorie

Archivio

Articoli popolari

Articoli recenti

Latest Comments

Tags Post